BAL – Sculture e Rilievi, le sognanti opere di Balthasar tornano da Michele Chiarlo

BAL – Sculture e Rilievi, le sognanti opere di Balthasar tornano da Michele Chiarlo

Balthasar

Enigmatico, autoironico. Ermetico, surreale. Sarcastico.

Difficile descrivere in un paio di aggettivi l’arte di Balthasar Brennenstuhl, artista eclettico e apolide nato a Zurigo nel 1956. Balthasar possiede un’entropia creativa sorprendente, frutto della sua stessa biografia. Svizzero di nascita, parigino di adozione, studia medicina, psicologia e musicologia per poi votarsi totalmente alla pittura e alla scultura. Si trasferisce per molti anni in Italia tra Cassinasco, Ovada e Rocca Grimalda per poi tornare in Francia, a Saint-Mandrier-sur-Mer, dove oggi vive, villaggio a sud di Tolone, in Provenza.

È proprio durante il “periodo italiano” che conosce Michele Chiarlo e aderisce al progetto di fondazione dell’Art Park La Court. Nel 2003, Balthasar è parte integrante del gruppo che – sotto la supervisione di Giancarlo Ferraris – progetta e realizza le prime opere del parco artistico di Castelnuovo Calcea, quella “comune artistica” che lo stesso Ferraris definì una wharoliana «factory tra i filari». Per l’Art Park, Balthasar realizzò un’opera dal forte sapore apotropaico, le ancestrali teste segnapalo: sculture a forma di testa poste sulla sommità dei pali di inizio filare, ricordo di un’antica usanza contadina che le credeva capaci di proteggere la vigna dalle malattie.

Scopri tutti gli artisti che hanno lavorato all’ART PARK LA COURT di Michele Chiarlo.


Balthasar, Diptyque tenue

Balthasar, Diptyque tenue


BAL, SCULTURE E RILIEVI
dal 24 settembre nella cantina di Michele Chiarlo, a Calamandrana.

A distanza di 18 anni, Balthasar Brennenstuhl torna da Michele Chiarlo. E lo fa attraverso l’iniziativa Arte in Cantina, progetto curato da Giancarlo Ferraris che ha l’ambizione di richiamare in Monferrato gli artisti che parteciparono alla creazione dell’Art Park La Court. Dopo le personali di Dedo Ruggero Fossati, Mark Cooper e dello stesso Ferraris, da venerdì 24 settembre, sarà la volta di BAL – SCULTURE E RILIEVI, visitabile da lunedì a venerdì (10.00-12.00 / 15.00-18.00); sabato e domenica su prenotazione.

Nella cantina di Michele Chiarlo, a Calamandrana, sarà possibile osservare le opere del maestro di Zurigo.

Si tratta di “sculture collage”, realizzate giustapponendo materiali eterogenei: una poetica dell’object trouvé («oggetto trovato») che viene scelto proprio per le sue caratteristiche estetiche dimesse e quotidiane, re-immaginato e re-inventato in chiave artistica. È così che pezzi di metallo, attrezzi agricoli, scarti industriali, resine e colori vengono ricomposti e fusi in forme enigmatiche eppure squillanti, capaci di raccontare il movimento di un sogno o l’epifania di una visione infantile, non drammatica ma coinvolgente, con un tocco surreale.


Balthasar_roses

Balthasar, Roses


BAL – SCULTURE E RILIEVI
Personale di Balthasar Brennenstuhl

C/O Cantina Michele Chiarlo
Strada Nizza-Canelli
14042 Calamandrana (Asti) – vedi su Google Maps

INFO E PRENOTAZIONI

Tel: (+39) 0141 769030
Email: reservation@chiarlo.it